stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni

 

 

 

Titolo originale: The Tommyknockers

Personaggi: James Eric Gardener, Roberta Anderson, Peter, Joe Paulson, Butch Dugan, Hilly Brown, Nancy Voss, Ruth McCausland

Anno di pubblicazione: 1987 (In Italia nel 1989)

Casa editrice: Putnam (In Italia edito da Sperling&Kupfer)

Traduzione a cura di: Tullio Dobner

Link per l'acquisto on-line: IBS

 

  

 

 

Trama
La scrittrice Roberta Anderson scopre un giorno, nel bosco dietro casa, un'astronave sepolta lì da milioni di anni e che tuttavia vibra ancora di un'ignota forma di vita. Con cautela, la giovane comincia a scavare per disseppellirla e, man mano che il suo lavoro procede, gli abitanti del borgo in cui lei risiede cominciano a cambiare, fondendosi in un'entità spaventevole asservita ai misteriosi esseri che ogni notte bussano alle loro porte: i Tommyknocker.

 

Dedica
A Tabhita King
«... promesse da mantenere»

 

Citazione
Iernotte a tarda ora,
i Tommyknocker, i Tommyknocjer,
hanno bussato  oggi ancora.
Vorrei uscire ma non so se posso,
per la paura
che m'hanno messo addosso.

 

Nota dell'Autore
Come in molte altre filastrocche di Mamma Oca, il significato della strofa sui Tommyknocker non è immediato. E' difficile risalire all'origie del nome. Sul Webster's Unabridged si legge che i Tommyknocker sarebbero o (a) orchi abitatori di sotterranee gallerie oppure (b) fantasmi frequentatori di caverne o miniere abbandonate. Poichè "tommy" è un termine di slang inglese con cui in passato si alludeva alle razioni militari (da cui "tommies" servì a definire i soldati di leva di Kipling: «è un continuo Tommy di qui, Tommy di lì...»), l'Oxford Unabridged Dictionary, senza dare una definizione precisa del termine, ipotizza che i Tommyknocker siano i fantasmi di minatori morti di inedia, che ancora si aggirano a bussare alle porte in cerca di cibo e soccorsi.

La prima strofa è abbastanza popolare perchè ne fossimo a conoscenza sia io sia mia moglie, sebbene cresciuti in città diverse, secondo diversi credo, e discendenti da ceppi diversi: il suo principalmente francese, il mio scozzese-irlandese.

Tutte le altre strofe sono dovute alla fantasia dell'autore.

Tale autore, io, in altre parole, desidera ringraziare la sua consorte Tabitha, critica inestimabile anche se talvolta irritante (e se perdi le staffe con un critico puoi star quasi certo che ha ragione); l'editor Alan Williams, per la sua cortese e attenta assistenza; Phyllis Grann per la sua pazienza (più che scritta, questa storia l'ho travasata su carta); e soprattutto George Everett McCutcheon, il meticoloso analizzatore di tutti i miei romanzi, in qualità di consulente di armi e balistica, ma anche come supervisore di consecutio. Mac è morto durante la seconda stesura di questo libro. Ero anzi intento ad apportare diligentemente alcune correzioni che mi suggeriva uno dei suoi appunti quando ho saputo che si era infine arreso alla leucemia contro la quale aveva lottato per quasi due anni. Ha lasciato in me un vuoto terribile, non perchè mi aiutava nel lavoro ma perchè era inquilino residente del mio cuore.

A innumerevoli altre persone va la mia gratitudine, a piloti, dentisti, geologi, colleghi scrittori, persino ai miei figli, i quali hanno ascoltato la lettura ad alta voce di questo racconto. Ringrazio inoltre Stephen Jay Gould: anche se è tifono degli Yankee e perciò non del tutto affidabile, i suoi commenti sulla possibilità di quella che io definirei «cieca evoluzione» hanno contribuito alla ristesura di questo romanzo (es: Il sorriso del fenicottero).

Haven non esiste. I personaggi sono frutto di invenzione. Questo è un lavoro di fantasia letteraria con una sola eccezione: i Tommyknocker sono reali.

Se pensate che io stia scherzando, vi siete persi il telegiornale di ieri sera.

 

Curiosità

  • In questo romanzo è possibile trovare riferimenti a personaggi di numerosi altri romanzi:
    • Un personaggio, guidando per Derry, ha un'allucinazione di un clown con monete al posto degli occhi (IT)
    • Alcuni Tommyknocker vengono portati in un'installazione governativa ("La bottega" de "L'incendiaria)
    • Gardner, a seguito di una sbornia, si trova su una spiaggia dove incontra un bambino di nome Jack (Il Talismano)
    • Nel romanzo è presente un giornalista, David Bright, che avrà un ruolo importante nella vicenda (La Zona Morta)
  • I Blind Guardian, gruppo metal, si ispira a questo romanzo nella creazione della canzone "Tommyknockers", riprendendo nel testo la filastrocca.
 
Copertine
 
stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni
 
stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni stephen king, tommyknockers, le creature del buio, haven, alieni

Scarica App

Inquadra il QR Code e scarica l'app per essere sempre aggiornato sul mondo di Stephen King.

 

 

qr code without logo

 

La Torre Nera - Stephen King Copyright © 2009-2014