Sequel del Talismano e sempre scritto in team con Peter Straub,questo testo presenta tre interessanti “sfide” stilistiche,a nostro avviso brillantemente superate : l’uso narrativo del tempo presente,come se l’azione si stesse svolgendo direttamente sotto gli occhi del lettore, del tipico stile fluente e crudamente asciutto del noir ( piu’ di 700 pagine che si leggono in un sol colpo ) ed una scrittura completamente diversa dalle altre opere di Steve.Il libro e’ principalmente un poliziesco con lievi sprazzi parapsicologici,ed al fantasy sono dedicate solo le ultime 100 pagine,del resto un po’ troppo affrettate.Il doppio finale riscatta pienamente Zio Steve dall’accusa di essere manchevole nelle chiusure.Tre brani particolarmente affascinanti sono la meravigliosa descrizione di una festa da ballo tenuta in una casa di riposo per anziani , il confluire di un’intera cittadina sul luogo del delitto con il disperato nonche’ infruttuoso tentativo della polizia locale di isolare il posto,e l’avventato avventurarsi di tre motociclisti nei pressi della casa nera ; brani che ancora una volta,se mai ce ne fosse stato bisogno,confermano le elevate doti descrittivo/letterarie di Zio Steve.Meraviglioso il personaggio di Henry,dj cieco,e dei Thunderbird Five,spericolata gang di motociclisti acculturati, fabbricanti di birra ed amanti della vita spericolata.Ma anche i personaggi minori non sono da meno...insomma,un gran bel libro per soddisfare la curiosita’ di cosa ne e’ stato del nostro Jack Viaggiante dopo l’adolescenza.

Scarica App

Inquadra il QR Code e scarica l'app per essere sempre aggiornato sul mondo di Stephen King.

 

 

qr code without logo

 

La Torre Nera - Stephen King Copyright © 2009-2014