Si narra che King fosse molto restio a pubblicare questo romanzo poiche’,a detta dei fan,e’ il piu’ orrorifico e sconvolgente della sua sconfinata produzione.Personalmente lo definiremmo,piu’ che horror,evocativo,poiche’ e’ tutto giocato sull’equilibrio/squilibrio tra la Vita e la Morte. Vita rappresentata dal felice menage di una ridente famigliola americana ( dove pensiamo vi sia molto di autobiografico del periodo d’anonimato in cui King viveva con moglie e figli in una roulotte e scriveva forsennatamente per sbarcare il lunario ) in cui la moglie non ha elaborato il lutto della precoce e violenta morte della sorella, e la figlia viene iniziata al concetto di morte dal padre in pagine di elevata delicatezza e sensibilita’. Morte incarnata dal decesso del gatto di famiglia che fara’ precipitare gli eventi sino alla follia totale del protagonista,il padre di famiglia medico. Lo squilibrio tra questi due grandi temi dell’Esistenza e’ dato da un vecchio cimitero indiano per animali che ha la facolta’ di resuscitare i cadaveri ivi sepolti,ed il chiaro messaggio di King e’ che e’ meglio lasciare le cose come stanno,seguire e rispettare gli eventi naturali senza tentare di compiere cose contronatura come resuscitare chi non e’ piu’ tra noi. Evocativo perche’ durante la lettura ha richiamato alla memoria eventi della nostra infanzia reconditi nel subcosciente,attinenti la scoperta della presenza tangibile della Morte nella Vita. La morale sottintesa di King,sulla quale non possiamo che concordare,e’che la Morte,lungi da essere il contrario della Vita,non ne e’che un processo; il naturale epilogo, per dirla in altri termini. Un testo molto profondo ed intenso,che si legge agevolmente ( solo quattrocentodiciassette pagine ) grazie allo stile di scrittura fluente e privo delle lungaggini descrittive ( seppur preziose all’approfondimento psicologico dei personaggi ) che caratterizzeranno il King successivo.
Ottimo.

Scarica App

Inquadra il QR Code e scarica l'app per essere sempre aggiornato sul mondo di Stephen King.

 

 

qr code without logo

 

La Torre Nera - Stephen King Copyright © 2009-2014